Sette Bocche

State: Italy
Music: Nu Folk

Biography

Le Sette Bocche condividono l’esperienza della musica popolare, con una chiave interpretativa del tutto personale, molto vicina al Nu Folk o, come li ha definiti Marcello Colasurdo: “Etno Local”. Il progetto musicale del gruppo è un cammino di ricerca sulle origini della cultura del territorio, in cui ciascun componente esprime il proprio background musicale, per dare corpo ad uno spettacolo ispirato alla musica, ai canti e ai balli tipici della cultura popolare. Nelle due ore di spettacolo, oltre a dare voce al mondo contadino, si alternano momenti musicali e coreutici, a momenti di grande interazione con il pubblico, chiamato a rispondere a simpatiche provocazioni e a prendere parte alle danze.

Il gruppo ha suonato in numerose manifestazioni nella provincia di Salerno, in tutt’Italia ed all’estero: Festival di Nardantuono con James Senese, Eugenio Bennato ed Enzo Gragnaniello, Ta.Tara.Tata Bitonto Folk Festival, Festival La notte dei Mulini, Pummarock, Festival delle Notti dell’Aspide, Festival degli Antichi Suoni a Novi Velia, Festa del Pane di Trentinara, a Parigi presso l’Ogresse théâtre des marionettes e a Bruxelles e per la Festa Italiana del 2004 per la Comunità Europea. Collabora alla messa in scena realizzando le musiche per diversi spettacoli teatrali.

L’esordio discografico avviene nel luglio del 2014 con l’album “Simm’ sett ‘ott e nuje”. Il lavoro ripercorre le tappe del loro cammino di ricerca artistica iniziato nel 2004, che li ha portati alla scoperta del materiale folklorico inedito appartenente all’area geografica dell’Agro e dei Monti Picentini. Il brano eponimo è figlio illegittimo di quel filone ironico/cantautoriale che tratta i temi del “folk revival”. Sono presenti all’interno del cd reperti audio quali: un brano vocale cantato in forma di Tammurriata del basso salernitano, fuori dalle attuali zone dove ancora vive il canto sul tamburo, un canto di lavoro dal titolo “Mannaggia ‘e femmene”, e altre strofette “a tarantella”. L’album mette in luce anche la “necessità” di fare spettacolo, la passione per il teatro e le differenti influenze musicali. Ecco perché in “Simm ‘sett ‘ott e nuje” trovano spazio brani classici recitati, brani ballabili, rivisitazioni di canzoni popolari in chiave progressive, brani d’autore e arrangiamenti pop di brani tradizionali. A questo segue, nel 2018, il secondo CD Live che racchiude le esperienze degli estenuanti tour estivi e invernali: #sfravecatour.

Prossimamente uscirà il loro nuovo lavoro discografico che come il precedente “Simm’ sett’ ott e nuje”, proseguirà sul doppio binario della ricerca del materiale folklorico nel salernitano, con un particolare approfondimento sulla ricerca di Annabella Rossi pubblicata nel libro “E il mondo si fece giallo: fenomeni di tarantismo in Campania”, e su quello del cantautorato.

PRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO

Le Sette Bocche propongono uno spettacolo di musica popolare, con una chiave interpretativa del tutto personale, tentando di dare ancora voce al mondo contadino. Il progetto musicale, basato sulla ricerca, sulle origini della cultura del territorio in cui ciascun componente condivide le proprie esperienze, per dare corpo ad uno spettacolo fatto di musica, canti e balli tipici della cultura popolare.

Il nostro motto è: divertirci e divertire! Due ore di intrattenimento musicale completamente tradizionale, in cui si alternano momenti musicali e coreutici, a momenti di grande interazione con il pubblico, chiamato a rispondere a simpatiche provocazioni e a prendere parte alle danze. 

Il gruppo è composto da:

  • Angelo Plaitano: chitarre e voce;
  • Daniela Dentato: danza e voce;
  • Francesca La Ragione: danza e voce;
  • Domenico Ingenito: violino e voce;
  • Alfredo Marraffa: flauti;
  • Antonio Rizzo: basso elettrico e voce;
  • Pasquale Di Lascio: percussioni e tamburi a cornice;
  • Giovanni Fasano: batteria.

 

Photo

Video

Contact

Email: info@mrfew.com
X